Compagnia Vittoriese

del Teatro Veneto

Chi siamo

 

La storia della Compagnia

Nasce a San Giacomo di Veglia, frazione di Vittorio Veneto, intorno alla metà degli anni 60,  per iniziativa di un gruppo di giovani appassionati, sulle orme della vecchia filodrammatica  parrocchiale che rappresentava a sua volta la continuazione di precedenti esperienze teatrali che avevano mosso i primi passi già dalla fine dell’ 800.

Fin dalla costituzione, viene chiamato alla regia  Guido Piccin che, smessi i panni dell’attore, ha rappresentato per lunghi anni l’anello di congiunzione tra i tanti appassionati del teatro di ieri con quelli di oggi.

Sulle linee tracciate dal regista ispirate agli schemi del teatro di tradizione, ma con lo sguardo volto a rinnovate esigenze sceniche, la Compagnia opera di preferenza nella provincia di Treviso e nelle province circostanti, studiando e mettendo in scena quel teatro in dialetto che, fatto conoscere al mondo da Goldoni, è giunto fino a noi portato da un filone drammaturgico entro cui spiccano Autori di ricca vena poetica in grado di interpretare a fondo l’ anima e la cultura veneta.

Nella ricerca di un costante contatto con il pubblico, la Compagnia Vittoriese predilige l’allestimento di quelle commedie che hanno nel divertimento sapiente e gustoso il mezzo espressivo di più immediata ed efficace comunicazione reciproca fra attori e pubblico, fra scena e platea.

Dopo un periodo di inattività, grazie al felice apporto di nuovi giovani, ” Teatro Veneto” ha ripreso a “calcare le scene” ed è composta attualmente da circa trenta  fra attori e tecnici che lavorano assieme uniti da una comune, mai sopita passione per il teatro e per quel tipo di teatro particolare che hanno scelto di “fare” in maniera quasi esclusiva.

Fra le produzioni teatrali di maggior successo si ricordano “Sior Tita Paron” di Gino Rocca; “Quando al Paese Mezogiorno Sona” di Eugenio F. Palmieri; “L’Onorevole Campodarsego” di Libero Pilotto; “El Nostro Prossimo” di Alfredo Testoni; “1-X-2 ” di Oscar Wulten; “Zogando a Tresette” di Emilio Baldanello.

Per ben 18 anni la Compagnia, in collaborazione con il Comune di Vittorio Veneto, ha organizzato la “Rassegna del Teatro Veneto Amatoriale” che ha saputo porsi al vertice delle manifestazioni teatrali a livello regionale per la qualità degli spettacoli proposti e per il prestigio dei Presidenti della Giuria del premio “Vittoria d’Argento”, abbinato alla rassegna.
Dal 2011 si rinnova l’impegno della Compagnia e viene alla luce la rassegna “Vivi a Teatro”, cinque appuntamenti teatrali nel cuore dell’autunno presso il teatro Lorenzo Da Ponte di Vittorio Veneto. Tra febbraio e marzo viene inoltre proposta la rassegna “Pomeriggi a Teatro” presso il patronato Costantini-Fiorentini, sempre a Vittorio Veneto.

Dopo anni di lontananza dalle scene la Compagnia riprende a calcare i palcoscenici del Veneto e non solo: fra attori e tecnici è composta attualmente da circa trenta persone che lavorano assieme unite da una comune, mai sopita passione per il teatro.

Attualmente in repertorio:
“Quando al Paese Mezogiorno Sona” di E. F. Palmieri (in scena dal 2003);
“… e Giuditta aprì gli occhi” di C. Lodovici (in scena dal 2007);
“I lazzaroni” di E. F. Palmieri (in scena dal 2011);
“Il candidato Largaspugna” di A. Fraccaroli (in scena dal 2015).